Iscriviti alla nostra newsletter:

Valuta : €

Iscriviti alla nostra newsletter

E-mail obbligatoria

Prima di continuare devi accettare le condizioni di privacy

conTESSA

Venice, the most famous femine entity (il ponte delle tette)

  • Anno: 2022
  • Tecnica: Olio su tela incluso in PMMA (C5H8O2) riciclato e tagliato a caldo
  • Riferimento: 24
  • Dimensioni: L: 38cm xA: 44cm xP: 33cm

Richiedi info

Richiedi info

Opera: Venice, the most famous femine entity (il ponte delle tette)

I tuoi dati

 

Privacy *

Desidera la rateizzazione del pagamento (prevede un acconto al momento dell’ordine)? *

Venezia è donna, con la sua struttura a forma di pesce che ricorda la coda di una sinuosa sirena coricata dolcemente nelle basse acque della Laguna. Troppo spesso, quando si narra la storia di Venezia, si racconta sempre di figure maschili: tanti dogi e patriarchi, viaggiatori scrittori e artisti, impenitenti seduttori. Non si fa mai menzione di eccelse figure femminili che hanno scritto straordinarie pagine si storia, antica e moderna. La donne di Venezia si sono sempre contraddistinte per intelligenza e eleganza: ai tempi della Repubblica erano considerate le aristocratiche più raffinate, indossando abiti eleganti e sontuosi, completati sempre da gioielli preziosi e make up che rendeva sinuose le labbra e intriganti gli sguardi. Ma si trattava di donne libertine, ben consapevoli delle loro capacità e della loro forza: dedite allo studio e alla lettura, hanno sempre avuto un ruolo importante. Oggi, come allora, le signore di Venezia si fanno notare per le loro capacità, per la loro eleganza e cura dei dettagli, per il sorriso e la gentilezza. Certo, si arrabbiano anche, come tutte le donne che hanno un carattere forte e una personalità spiccata. La storia, di ieri e oggi, ci insegna come le donne veneziane avessero grande amor proprio e rispetto per se stesse, caratteristiche fondamentali per vivere in un mondo di uomini, senza venirne dominate. Ma nonostante questo, e nonostante l'aria culturale e cosmopolita che si respirava alla Serenissima, le sue donne non riuscirono mai ad abbattere il muro di alcuni pregiudizi che le teneva fuori dagli ambiti del potere, considerati ad esclusivo appannaggio degli uomini.
E' a Venezia, però, che nasce per prima l'indipendenza professionale femminile che ha visto consolidate figure lavorative ancora oggi orgoglio nel mondo. Parlo delle merlettaie di Burano capaci di farsi protagoniste di un'arte straordinaria, ambita dalle nobili delle più grandi corti europee, e che ancora oggi è considerata un vero e proprio tesoro; e delle meravigliose impiraresse, le donne che con l'utilizzo di piccole perle in vetro di Murano realizzavano, e realizzano ancora oggi, splendidi gioielli che adornano i decolleté delle donne di tutto il mondo.

© 2022. Vecchiato Arte Srl Powered by Cippest