Iscriviti alla nostra newsletter:

Valuta : €

Iscriviti alla nostra newsletter

E-mail obbligatoria

Prima di continuare devi accettare le condizioni di privacy

No works for this artist.

Cesar

Cesar

CESAR Baldaccini nato il 1 gennaio 1921 a Marsiglia (Francia) deceduto il 7 dicembre 1998 a Parigi (Francia) Figlio di un emigrante italiano costruttore di botti. 1942. Frequenta le lezioni serali presso l´ Ècole des Beaux-Arts di Marsiglia. Si guadagna da vivere nella bottega del padre e in seguito lavorando come fornaio e istruttore di guida. 1943. Entra all´ècole Nationale Supèrieure des Beaux-Arts di Parigi. 1945. Sposa Maria Astruc, da cui divorzierà nel 1959. Vince una borsa di studio triennale a Parigi. 1946. Lascia Marsiglia per Parigi, abita nello stesso palazzo di Giacometti....

CESAR Baldaccini nato il 1 gennaio 1921 a Marsiglia (Francia) deceduto il 7 dicembre 1998 a Parigi (Francia) Figlio di un emigrante italiano costruttore di botti. 1942. Frequenta le lezioni serali presso l´ Ècole des Beaux-Arts di Marsiglia. Si guadagna da vivere nella bottega del padre e in seguito lavorando come fornaio e istruttore di guida. 1943. Entra all´ècole Nationale Supèrieure des Beaux-Arts di Parigi. 1945. Sposa Maria Astruc, da cui divorzierà nel 1959. Vince una borsa di studio triennale a Parigi. 1946. Lascia Marsiglia per Parigi, abita nello stesso palazzo di Giacometti. 1947. Prime ricerche con il gesso e il ferro. Segue a Montpellier uno stage di ceramica. 1949-53. Utilizza il piombo in foglie a sbalzo e dei fili di ferro saldati. All´inizio degli anni cinquanta, esegue le prime sculture in metallo saldato partendo da scarti industriali recuperati in una officina a Trans-en-Provence e a Villetaneuse poi. 1950. Incontra Germaine Richier. 1951. In un viaggio in Italia visita Roma e Pompei. Rimane impressionato dalla visione dei calchi in gesso delle vittime dell´eruzione. 1954. Esegue la sua prima grande opera in metallo saldato: Le poisson. Prima esposizione personale: Sculptures de Baldaccini et tapisseries de Cortot et Dany, alla Galerie Lucien Durand, Parigi. Utilizza già dei pezzi di carrozzeria d´auto per dare del colore ai suoi Animaux en ferraille. 1955. Espone per la prima volta al Salon de Mai, dove vengono presentati Le poisson e il nudo Pompei. Espone con Karel Appel alla Galerie Rive Droite a Parigi. Abbandona definitivamente il nome di Baldaccini. 1956. Fa la conoscenza di Picasso.Un intera sala gli è riservata alla Biennale di Venezia. Espone alla Galerie Rive Droite con Alberto Burri. 1957. Vince il 1° premio di partecipazione straniera alla Biennale di Carrara in Italia. Esposizioni personali a Parigi (Galerie Creuzevalt) e Londra (Hanover Gallery). 1958. Nasce la figlia Anna. Inizio delle Plaques (ali, steli) con cui ottiene il terzo premio Carnegie di scultura e una medaglia d´argento per L´homme de Villetaneuse all´Esposizione Universale di Bruxelles. Nelle sue sculture abbandona lo spezzettamento apparente dei materiali per una materia metallica più omogenea. 1959. Espone al Salon de mai, a Documenta II a Kassel e a New Image of Man al Museum of Modem Art di New York. Grande successo dell´esposizione personale alla Galerie Claude Bernard a Parigi. 1960. Partecipa ad European Art Today, esposizione itinerante organizzata dal Minneapolis Institute of Art, a Cent sculpteur de Daumier à nos jours, del Musèe d´Art et Industrie di Saint-Etienne, a Sculpture contemporaine, del Musèe Cantini di Marsiglia. Al Salon de Mai espone tre Compressioni d´automobili e comincia a partecipare a tutte le manifestazioni del Nouveau Rèalisme. Esposizione Cesar recent sculpture all´Hanover Gallery di Londra. Personale alla Allan Stone Gallery di New York. Si sposa con Rosine Groult. 1961. Viaggio negli Stati Uniti in occasione della sua esposizione personale a New York alla Saidenberg Gallery. Partecipa a The Art of Assemblage al M.0.M.A. di New York. Inizio delle Compressions Dirigèes e dei Reliefs tales. A New York rende visita con Yves Klein e Jean Tinguely a Marcel Duchamp. 1962. Espone a Milano alla Galleria Apollinaire dei disegni-dècollages fatti di inchiostro e nastro adesivo. 1963. Esposizione Trois sculpteurs alla Galerie Claude Bernard a Parigi. 1964. Partecipa a Figurazione e Defigurazione a Gand; a Documenta III a Kassel e a Dieci anni di pittura e scultura, alla Tate Gallery di Londra. 1965. All´esposizione Cesar, Ro? l d´Haese, Tinguely al Musèe des Arts Dècoratifs, Parigi, Cesar mostra la Victoire de Villetaneuse. Questa straordinaria donna senza testa dal ventre 'gonfiato' di vita è a sua volta l´esito di una ricerca ininterrotta sul nudo femminile: Nu de la Belle de Mai (1957), Ginette (1958), La Venus de Villetaneuse (1962) sono la prova manifesta del rifiuto assoluto dell´artista a lasciarsi rinchiudere in un genere convenzionale. In dicembre, all´esposizione La Main da Claude Bernard a Parigi, presentazione del Pouce. La serie comprende un pollice monumentale in plastica rossa, un pollice in metallo argentato e un pollice in plastica molle sormontato da un unghia dura. In occasione di Conversation autour d´un pouce pubblicato in Les Lettres Francaises del 30 dicembre, Cesar di nuovo riafferma, contro l´attacco severo di alcuni critici, il diritto dell´artista alla non- specializzazione. Prima collaborazione con le industrie Renault: L´hommage à Louis compressione di paraurti e copriruota d´automobili. 1966. Retrospettiva allo Stedelijk Museum di Amsterdam e al Wilhelm Lehmbruck Museum di Duisburg. Al Salon de Mai, espone un pollice di 2 metri di altezza, poi modella il seno di una ballerina del Crazy Horse. Verrà ingrandito l´anno seguente a cinque metri di diametro e due metri e cinquanta di altezza per ornare il bacino d´acqua della fabbrica dei profumi Rochas a Poissy. Ultima la Pacholette l´ultimo dei suoi ferri saldati che chiude momentaneamente il suo bestiario di ferraglia. Retrospettiva al Musèe Cantini di Marsiglia. 1967. La modellatura del Pollice e del Seno gli fa utilizzare un nuovo materiale, la schiuma di poliuretano di cui scopre le proprietà espansive. Al Salon de Mai esegue una grande espansione arancione (una colata di 40 litri di poliuretano lunga cinque metri). Realizza un espansione anche alla Galerie Mathias Fels a Parigi. Retrospettiva alla Biennale di San Paolo in seguito, realizza delle espansioni in pubblico a Monaco, Lund, San Paolo, Rio de Janeiro, Montevideo, Avana, ecc. Partecipa a numerose esposizioni all´estero tra cui l´Esposizione Universale di Montrèal (Canada). 1968. Espansioni in giallo, blu e rosso realizzate in pubblico a Londra (Tate Gallery), che poi taglia e distribuisce ai presenti. A Saint-Paul-de-Vence alla mostra L´art vivant presso la Fondation Maeght, Goeteborg, Stoccolma, Bruxelles (Palais des Beaux-Arts), Musèe de Gand, Roma (Galleria Nazionale d´Arte Moderna). È presente a Documenta IV a Kassel con sei Pouces e alla Triennale di Milano dove espone un canapè rivestito di poliuretano.. 1969. Cesar chez Daum al Musèe des Arts Dècoratifs, Parigi, è il risultato di un anno di collaborazione con la cristalleria Daum di Nancy che gli ha aperto gli atelier della sua fabbrica. Vi trova l´occasione di dialogare con un nuovo materiale, il vetro. Alla Galerie Mathias Fels presenta delle compressioni di piccole dimensioni (20-25 cm di altezza) eseguite su dei materiali diversi: tubi d´alluminio leggero, frammenti di carrozzeria Renault ecc. Partecipa ad Ars 69 ad Helsinki e esposizioni personali alla galleria Creuzevault, Parigi Autoportrait e alla galleria Givaudan, Parigi Boites. Mette a punto una tecnica che permette la conservazione delle espansioni. Realizza un pugno monumentale per il Prytanèe militaire di Saint-Cyr. Il coreografo Dirk Sanders gli richiede uno scenario ( tre espansioni giganti) per il Ballet th? tre contemporain alla Maison de la Culture di Amiens. 1970. Cesar - Plastiques, prima presentazione delle Espansioni. realizzate nel corso dei due anni precedenti, al Centre National d´Art Contemporain di Parigi. Per l´inaugurazione a Knokke-Le-Zoute della mostra Pop Art, nouveau rèalisme, nouvelle figuration Cesar realizza un Espansione in pubblico al Casino, sede dell´esposizione. Partecipa al 10° anniversario del Nouveau Rèalisme a Milano con l´ultima espansione realizzata in pubblico nella Galleria Vittorio Emanuele. Sempre a Milano Cesar 1960-1970 alla galleria Schwarz dove espone sopratutto delle compressioni di motociclette. Espone a Le peintre photographiè al Musèe des Arts Dècoratifs di Parigi. Cesar è nominato professore d´atelier alla Ecole des Beaux-Arts di Parigi. Realizzazione di una pala d´elica in bronzo di 10 metri di altezza per il Mèmorial des Rapatriès a Marsiglia. 1971. Prime Compressioni in oro di gioielli. Inizio delle compressioni di plexiglass, utilizza le proprietà di trasparenza del materiale alla luce. Plastiques, alla Fondazione Sonja Henie (Oslo), alla Kunsthalle di Amburgo e alla Maison de la Culture di Rennes. 1972. Comincia la serie delle Masques con la modellatura del proprio viso. Tirato in plastica o in bronzo è sistematicamente tagliato, deformato o semicancellato da dei materiali diversi: tela plastificata, schiuma di polyestere, ecc. Alcune sono incorporate a delle espansioni: Bassine de TÀ tes. Espone a Marsiglia, Cesar 72 al Musèe Cantini. Motos, esposizione di Compressioni di motociclette alla Galerie Mathias Fels, Parigi. Compression acryliques, galleria Lucien Durand, Parigi. Compression plastiques alla galleria Fred Lanzenberg, Bruxelles. 1973. Tète à tètes, galleria Creuzevault, Parigi. La presentazione degli autoritratti-maschera dà l´occasione di creare, da una forma in pane della sua propria testa, dei miches-Cesar sfornati e letteralmente divorati durante il vernissage. Retrospettiva di Cesar al centro culturale di Romainville. 1974. Retrospettiva di Cesar alla Rotonda della Besana a Milano. 1975. Nasce il Cesar, una piccola riproduzione di una compressione diventa l´equivalente in Francia dell´Oscar hollywoodiano. Con il Cesar vengono premiati i migliori attori, attrici e registi francesi dell´anno. 1976. Cesar, Retrospective des sculptures, esposizione itinerante attraverso i musei di Ginevra, Grenoble, Casino di Knokke le Zoute, Rotterdam, e il Musèe d´Art Moderne de Paris. Alla Galerie Beaubourg a Parigi espone differenti lavori tra cui compressioni di cartoni ed imballaggi su muro o in tre dimensioni. 1978. Due esposizioni dei suoi Portraits de Compression (Nizza e Tokyo) Sono delle compressioni piatte incollate su un grande supporto di legno. Retrospettiva al Musèe Picasso di Antibes. Espansioni murali alla Galerie Beaubourg di Parigi. 1979. Comincia un lavoro di reinvenzione delle sue sculture modificando o ingrandendo i modelli in gesso di vecchi pezzi in ferro. Le opere nuove sono in seguito tirate in bronzo. Cèsar come un tempo con i ferri, unisce degli elementi di bronzo che fanno di ogni tiratura quasi un originale. Tra questa serie di bronzi saldati: Homme oiseau 1958-1980 o Poule Andrèe 1958-1980. La Galerie Beaubourg presenta una retrospettiva delle sue opere al F.I.A.C. di Parigi. 1980. La Galerie Beaubourg presenta una retrospettiva delle sue opere al F.I.A.C. di Parigi. Riceve il Gran Premio nazionale delle arti per la scultura e il Gran Premio delle arti della Città di Parigi. 1981. Realizzazione monumentale di un Pouce in marmo bianco a Djeddah (Arabia Saudita). 1982. Retrospettive a Liegi (Musèe d´Art Moderne), a Nizza (Espace Nicois d´Art et de Culture) e in Giappone (Fondazione Seibu e Museo Ottara). 1983. Intraprende la realizzazione del Centaure, monumento in omaggio a Picasso, opera di sei metri di altezza, ultimata nel 1985 e mostrata all´apertura della F.I.A.C. davanti al Grand Palais. 1984. Realizza la serie degli Autoportraits che sono esposti alla F.I.A.C. Intraprende una piastra monumentale, Hommage à Eiffel, nel parco della Fondation Cartier (Jouy-en-Josas), 17 metri di altezza, realizzata con dei frammenti di una scala della TourEiffel. Al Musèe de la Poste di Parigi: Bronzes. Alla Fondation Cartier: Les fers de Cesar 1985-86. Intraprende la serie dei Poules Patineuses, in bronzo saldato, 18 pezzi che saranno esposti nel 1988 al F.I.A.C. Inizia la realizzazione dei Championnes, compressioni piatte di automobili Peugeot. 1989. Prima esposizione importante delle compressioni dal 1959 al 1989 alla Galerie Beaubourg, in questa occasione la compressione Facel Vega del 1962 è acquistata dal Musèe d´Art Moderne de la Ville de Paris. 1990. Esposizione, all´EPAD , Dèfense a Parigi, di ventiquattro enormi Compressioni di carta. Alla Galerie Beaubourg, Natures mortes Hommage Morandi, compressioni di brocche, caffettiere e bollitori. 1992. Il Comune di Marsiglia decide la creazione di un Musèe Cesar. 1993. Il presidente Mitterand consegna a Cesar la croce di ufficiale della Legion d´onore. 1994. Realizza un pollice di 12 m di altezza per il quartiere della Defense. 1995. Realizza in occasione della Biennale di Venezia un muro di autovetture, disposte una sopra l´altra, pesante circa 500 tonnellate. 1996. Presenta alla Fiera di Basilea cinque blocchi monumentali di Compressioni di carta: 960 tonnellate corrispondenti a 'un mese di lettura degli abitanti di Basilea'. 1997. Retrospettiva al Jeu de Paume a Parigi. 1998. Malato di cancro, scompare all´età di 77 anni nella sua casa di Parigi.

Espandi
© 2022. Vecchiato Arte Srl Powered by Cippest